Verduno Pelaverga DOC


mappa2

Il Pelaverga DOC è una piccola denominazione (1995) legata al territorio del comune di Verduno (CN) e in minima parte ai comuni di Roddi e La Morra. Il vitigno principe con cui si ottiene sarebbe infatti autoctono del comprensorio di Verduno; vino molto famoso in passato e apprezzato dalla corte sabauda, la storia del Pelaverga si intreccia con quella del più fortunato Barolo e per molto tempo il vino scompare dalle tavole. Da sempre parte degli uvaggi locali, solo negli anni ’70, su iniziativa della famiglia Burlotto (oggi proprietaria del Castello di Verduno) si riscoprono il potenziale e la piacevolezza della vinificazione in purezza.

 

Vitigni

Pelaverga piccolo minimo 85% (a lungo confuso con l’omonimo cultivar saluzzese, ne è stata recentemente provata l’estraneità); possono concorrere altri vitigni a bacca nera non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Piemonte, fino ad un massimo del 15%.

 

Terreno

I terreni possono essere argillosi, calcarei o sabbiosi. Collocati esclusivamente in collina a un’altitudine che può raggiungere i 500 m s.l.m., devono godere di un’esposizione idonea ad assicurare la maturazione delle uve. Sono vietati da disciplinare i terreni pianeggianti, umidi e non sufficientemente soleggiati.

 

bottiglia2

Colore rubino scarico con riflessi dal violaceo al cerasuolo. Al naso presenta gradevoli sentori di lampone, ribes e violetta accompagnati da una tipica note speziata (pepe bianco). Al palato, il tannino è raffinato e l’affinamento conferisce equilibrio e complessità. La gradazione non troppo elevata e la fresca acidità ne fanno un’interessante alternativa ai classici vini a base di Nebbiolo.

 

barrique2

Il Verduno Pelaverga DOC puo’ essere immesso al consumo soltanto a partire dal 1° marzo dell’anno successivo a quello di produzione delle uve.

 

eventi2

Il 5 e 6 settembre torna l’ormai classico appuntamento con la grande Festa del Verduno Pelaverga. Verduno ospiterà il sabato sera una cena sul belvedere e la domenica Verduno e’ servito (il tradizionale pranzo nei ristoranti di Verduno) oltre a una scorribanda enogastronomica per le vie del paese a base di street food e, ovviamente, fiumi di Pelaverga DOC. Per maggiori informazioni, tenete d’occhio il sito Verduno è UNO.

 

da vedere e da provare

Verduno è situato a metà strada tra Roddi e La Morra, località tra le più belle delle Langhe. Vicino è anche il celebre Castello di Grinzane, storicamente legato alla nascita del Barolo nel periodo in cui fu di proprietà del Conte Camillo Benso di Cavour. I primi esperimenti ebbero però luogo nelle cantine del Castello di Verduno, oggi sede di un albergo e di un ristorante/agriturismo oltre che delle storiche cantine di produzione.

 

Photo licence by Robbin Gheesling

Elisa Pesce

Elisa Pesce

Esperto assaggiatore ONAV, assaggiatore ONAF, WSET Advanced in Wines & Spirits nonché tecnico di marketing per l'enoturismo. Dato che la vita è una sola, preferisco sia il più incasinata possibile: il vino è l'unico modo per mantenere l'equilibrio. Vistita il mio Blog o scrivimi una mail