Valle d’Aosta: Cave des Onze Communes

Fondata ad Aymavilles nel 1990, la Cave des Onzes Communes è il centro di raccolta e vinificazione delle uve provenienti da ben undici comuni del centro della Valle: Quart, Saint-Christophe, Aosta, Sarre, Saint-Pierre, Villeneuve, Introd, Aymavilles, Jovençan, Gressan, Charvensod. I soci conferenti sono circa duecentoventi, per una superficie totale di una sessantina di ettari frammentata in piccoli appezzamenti spesso difficili da lavorare a causa della forte pendenza.

Terreno

L’altitudine media dei vigneti, dislocati su entrambe le sponde della Dora Baltea, è tra i 550 e i 900 metri s.l.m. La cooperativa gode di una posizione particolarmente suggestiva: al centro di una conca, è circondata da prati, frutteti e, ovviamente, vigneti tra i quali è possibile passeggiare o pedalare in tutta tranquillità.

Vitigni

La cooperativa vinifica gran parte delle varietà coltivate nella regione, producendo un’ampia gamma di vini a denominazione e grappe.

Tra i vitigni a bacca rossa troviamo Petit rouge, Mayolet Cornalin, Fumin, Gamay, Premetta, Vien de Nus; tra le varietà bianche, Petite arvine, Muller-Thurgau, Pinot Gris, Chardonnay e Moscato bianco.

bottiglia2

Per non rubarvi il piacere di scoprire in prima persona tutti i vini della Cave, vi segnaliamo solo quelli che ci hanno colpito di più:

  • Valle d’Aosta DOC Petite Arvine. 100% Petite arvine. Bianco intenso e morbido dalle note lievemente agrumate, tra i più espressivi del territorio.
  • Valle d’Aosta DOC Cornalin. 100% Cornalin. Autoctono interessante, ottimo da tutto pasto, fruttato e speziato, minimo 5 mesi in legno, leggera tannicità.
  • Valle d’Aosta DOC Torrette. Petit rouge 75%, Vien de Nus, Cornalin, Premetta 25%. In versione classica, superiore (otto mesi di affinamento in barrique) e bio.
  • Valle d’Aosta DOC Fumin. 100% Fumin. Altro vitigno autoctono, vinificato parzialmente con macerazione carbonica per esaltarne i sentori fruttati.
  • Valle d’Aosta DOC Muscat Petit Grain Flétry. 100% Moscato Bianco. Le uve appassiscono in fruttaio per circa 50 giorni, regalando un vino dai sentori di frutta essiccata e miele con fresche note balsamiche.

da vedere e da provare

Il punto vendita della Cave des Onzes Communes ospita un piccolo enomuseo, con attrezzi e oggetti della vita contadina del centro Valle. La maggior parte dei vini è disponibile per degustazione in erogatore. Per una visita guidata e/o il tour in bicicletta nei dintorni è consigliabile prenotare.

Al centro del paese, su un piccolo rilievo, sorge il castello di Amayvilles, risalente al XII secolo. Attualmente è in restauro, ma vale la pena vederlo anche solo da fuori per le sue caratteristiche torri angolari.

Non molto distante e visitabile è invece il castello reale di Sarre, per molti anni residenza di caccia dei Savoia.

Infine, a dieci minuti di macchina trovate il suggestivo ponte romano di Pondel, riaperto al pubblico nel 2014: una campata di 50 m a un’altezza di 52 m.

LINKS:

Cave des Onze Communes

Se ti è piaciuto l’approfondimento sulla Cave des Onzes Communes non perderti:
Valle d’Aosta DOC
Valle d’Aosta: Cave Cooperative de Donnas
Valle d’Aosta: Cooperativa La Kiuva
Valle d’Aosta: La Crotta di Vegneron
Valle d’Aosta: Copérative de l’Enfer
Valle d’Aosta: Cave du Vin Blanc de Morgex et de la Salle

In foto: Vigneti a Amayvilles

Elisa Pesce

Elisa Pesce

Esperto assaggiatore ONAV, assaggiatore ONAF, WSET Advanced in Wines & Spirits nonché tecnico di marketing per l'enoturismo. Dato che la vita è una sola, preferisco sia il più incasinata possibile: il vino è l'unico modo per mantenere l'equilibrio. Vistita il mio Blog o scrivimi una mail