WSET Diploma: l’inizio di un (lungo) percorso

Ci siamo! Mi sono imbarcato in una bella avventura: mi sono iscritto al Diploma WSET.
Non so come andrà a finire (ovviamente spero bene).
Ho deciso di pubblicare una serie di post documentando tutto il percorso che è partito ufficialmente il 7 ottobre 2019.
Una specie di diario per tenere traccia del mio cammino, per far prendere contatto con questa certificazione chi ne è interessato e per, magari, cercare supporto morale.
Questo post e quelli futuri, verranno aggiornati e inseriti in una sezione a parte sempre consulatbile.

Prima di tutto… che cos’è il WSET?

WSET (Wine & Spirit Education Trust) è un’organizzazione londinese che, nel corso degli anni, è diventata a livello mondiale uno dei maggiori punti di riferimento per i professionisti del mondo del vino. I corsi WSET sono presenti in tutti i continenti e riconosciuti in tutto il mondo.
Si parte da livelli base come il 1° e il 2° corso per arrivare al livello 3 che veniva chiamato “advanced” e terminare con il livello 4: il Diploma.
Anche se le sedi di corso sono sparse per il globo, i test vengono corretti nella sede centrale di Londra e la forza di questo tipo di formazione sta nell’aver creato un linguaggio comune e condiviso tra i professionisti del mondo del vino. Per iscriversi al 4° livello è necessario aver superato il 3°. Il diploma viene considerato propedeutico all’accesso al Master of Wine.
Il focus dei corsi è su vini e spiriti da tutto il mondo e sui fattori che ne influenzano lo stile e il prezzo.

WSET Diploma

Quando ho passato il terzo livello mi sono ripromesso che non mi sarei più cacciato in una “menata” simile e invece come si dice, “invecchiando, impazzendo”.
Ad agosto, pieno di dubbi, ho mandato la mia iscrizione al Diploma presso la sede di Londra dato che al momento le scuole italiane si fermano al terzo livello.

Il costo è piuttosto alto (ben indicato sul sito) e varia a seconda della modalità di fruizione scelta:
  • Serale (61 incontri da 2 ore una volta a settimana divisi in 6 blocchi)
  • Sabato (32 incontri da 4 ore e mezza divisi in 6 blocchi)
  • Intensivo (24 incontri da 8 ore e mezza divisi in 6 blocchi)
  • A blocchi (diviso in due semestri ciascuno da 11 incontri di 8 ore e mezza divisi in 3 blocchi)
  • On-line (simile al sistema a blocchi richiede l’accesso alla piattaforma on-line dove un tutor segue passo a passo le attività che vengono assegnate per ogni unità. Gli esami si svolgono sempre a Londra)

Dal 2019 il corso di studi ha subito una leggera modifica eliminando la parte sugli spiriti e concentrandosi solo sul vino. Le unità sono 6 e corrispondono ognuna a un esame che nel caso delle unità D3, D4 e D5, oltre alla teoria, prevedono un esame di degustazione valutato a parte. Altra grande novità del nuovo corso è l’adozione del materiale didattico condiviso sul portale web: 5 libri di testo sempre consultabili. Il vecchio sistema prevedeva la lettura di libri di diversi autori con la difficoltà di dover incrociare dati che non sempre coincidevano richiedendo molto tempo per la ricerca di informazioni corrette.

Gli esami sono così divisi:
  • D1 Wine Production (Tutto ciò che riguarda gli aspetti produttivi dalla vigna alla vinificazione)
  • D2 Wine Business (Dal nome si intuisce già che nella D2 vengono trattati tutti gli aspetti relativi al commercio del vino)
  • D3 Wines of the World (Vini fermi da tutto il mondo. Questo esame è “la bestia nera” del corso)
  • D4 Sparkling wines (Vini spumanti da tutto il mondo)
  • D5 Fortified Wines (Vini fortificati da tutto il mondo)
  • D6 Reasearch Assignment (Una ricerca personale su un tema che viene proposto dall’istituto)

La mia scelta: On-Line

Londra non è propriamente “dietro l’angolo” e, siccome il lavoro non mi permette di trasferirmi oltremanica per lungo tempo, ho deciso di iscrivermi al primo semestre on-line. Questo comprende gli esami D1, D2, D4 e D5. Poco dopo l’iscrizione, viene fornito l’accesso alla piattaforma web che permette di consultare i testi da studiare divisi per ciascuna unità e di seguire il programma porzionato per settimana.
Ogni settimana ci sono diverse attività da svolgere tra studio, degustazioni e progetti che vengono assegnati. Durante la settimana il tutor corregge le degustazioni e i progetti mentre i test aiutano a tenere traccia del proprio avanzamento. Bisogna contare che nella modalità on-line si deve provvedere privatamente all’approvvigionamento dei vini per le degustazioni che per l’intero semestre sono una cinquantina. Non vengono richieste etichette specifiche ma sono fornite indicazioni di massima sul tipo di vino o denominazione da procurarsi.

Indice

Per tenere tutto ordinato, mano a mano che proseguirò con il corso, aggirnerò l’indice sottostante diviso per unità con l’introduzione alle unità, le attività settimanali, consigli vari etc…

D1 – Wine Production
    • WSET D1 – Introduzione – Come si produce il vino (verrà pubblicato mercoledì 20 novembre)
    • WSET D1 – Degustazioni settimana 1 (pubblicazione da confermare)
    • WSET D1 – Degustazioni settimana 2 (pubblicazione da confermare)
    • WSET D1 – Degustazioni settimana 3 (pubblicazione da confermare)
    • WSET D1 – Degustazioni settimana 4 (pubblicazione da confermare)

 

 

Alberto Bracco

Alberto Bracco

Studente WSET Diploma, sommelier FISAR, assaggiatore ONAV e bevitore seriale. Nel mondo del vino per lavoro, passione e anche un po' per caso. Seguimi su Vivino o scrivimi una mail

Rispondi