WSET D1 – Come si produce il vino

L’unità D1 è la prima che, chi si vuole cimentare nel Diploma WSET, dovrà affrontare. Si chiama “Wine production” e il nome di per sé è piuttosto esplicativo dato che gli argomenti trattati vanno dall’anatomia  e ciclo della vite fino alla vinificazione. L’approccio WSET tende a sottolineare come date scelte (terreno, resa ettaro, gestione degli impianti, procedure di vinificazione etc…) influiscano sullo stile e sul prezzo del vino.

Lo studio on-line

La preparazione dell’esame tramite la piattaforma on-line prevede, oltre al libro di testo “diluito” in 5 settimane, il superamento di diversi test, delle attività da svolgere singolarmente oppure in gruppo e le degustazioni. Al termine ci sarà un’ulteriore settimana di riepilogo con altri test  e attività di gruppo (questa volta senza degustazioni).

Il libro di testo

Il precedente ordinamento, aveva un enorme tallone d’Achille: i libri di testo. Questi, non erano specifici per il corso ma consistevano in una serie di tomi da centinaia di pagine scritti da diversi autori con argomenti che si accavallavano. Dover confrontare le fonti e verificare la veridicità di certi aspetti era all’ordine del giorno. Con il nuovo programma del diploma WSET questo “incubo” è un ricordo del passato. L’unico testo al quale riferirsi è reperibile on-line autenticandosi come studenti al sito. Per quanto riguarda l’esame D1 parliamo di 20 capitoli per un totale di circa 200 pagine. Esiste poi un ventunesimo capitolo dove ci sono letture consigliate per arricchire la propria formazione che, però, non saranno oggetto delle domande dell’esame. Inutile dire che tutto il materiale messo a disposizione è di proprietà dell’istituto e non può essere ridistribuito o utilizzato per fini differenti dallo studio.

Le degustazioni

Sebbene l’unità D1 non preveda esami di degustazione, per quanto riguarda la preparazione a casa, viene inclusa una prima tornata di vini da procurarsi e degustare seguendo come riferimento il Systematic Approach to Tasting Wine (SAT) ma di questo parleremo nel post sulla degustazione.

Le attività

Ogni settimana è consigliato di interagire con il gruppo contribuendo in un forum messo a disposizione del corso. Viene assegnato un compito che dovrà essere svolto talvolta in gruppo e talvolta singolarmente. All’inizio è stato richiesto di progettare un’attività di produzione vinicola di una zona decisa da noi vagliando scelte in vigna e in cantina e tenendo conto sia degli aspetti ambientali sia di un probabile mercato di riferimento. La mia preferenza è caduta sulla zona del Jura di cui avevo già parlato qui sul blog: Jurassic wines: piccola guida ai vini del Jura

Bonus: scarica le infografiche sui vitigni che abbiamo sviluppato

Uno dei lavori di gruppo consisteva nel fare delle infografiche di alcuni vitigni riguardanti le diverse zone che abbiamo scelto nei lavori precedenti. Il gruppo del quale facevo parte era composto da persone stupende e proattive. Abbiamo fatto 12 infografiche che abbiamo deciso di mettere a disposizione per la consultazione a chi ne fosse interessato. A tal proposito ringrazio (in ordine alfabetico) tutti i componenti del gruppo di studio: Annica Björling, Lea Gatinois, Norbert Budai, Olga Antoniadou e Pontip Marshall.

I test 

Ogni settimana è possibile completare dei test inerenti ai capitoli studiati. I diversi quesiti prevedono risposte aperte o a scelta multipla e non rispecchiano le modalità di esame ma servono solo a fissare bene i concetti e a capire quali sono gli aspetti più importanti sui quali bisogna concentrarsi.

Il feedback test 

Alla fine della quinta settimana è possibile completare quello che viene definito feedback test ovvero un test in tutto e per tutto simile all’esame vero e proprio. Una volta completato, verrà esaminato dallo staff WSET che darà una valutazione corredata da commenti. Questo test ci permette di capire quali sono le aspettative dell’Istituto nei nostri confronti e se le abbiamo attese o meno.

Ecco come seguire i miei “colleghi”:

Annica Björling: thewinebliss.com
Lea Gatinois: instagram.com/amblewine
Olga Antoniadou: linkedin

 

ATTENZIONE: questo post fa parte di una serie di diari/guide sul Diploma WSET che inizia qui: WSET Diploma: l’inizio di un (lungo) percorso

Alberto Bracco

Alberto Bracco

Studente WSET Diploma, sommelier FISAR, assaggiatore ONAV e bevitore seriale. Nel mondo del vino per lavoro, passione e anche un po' per caso. Seguimi su Vivino o scrivimi una mail

Rispondi